ZANZARE: sotto ai 3 anni no ai repellenti

Nuove linee guida per la protezione dei neonati contro le zanzare

Con l’arrivo del caldo, iniziano anche quei fastidiosi ronzii notturni! Infatti, Estate significa da sempre umidità, zanzare, mosche, punture di insetti, pruriti e rossori. In città o in natura, i mesi estivi sono veramente un vero disastro, soprattutto per i nostri neonati! Prima di partire per una località, si può addirittura consultare il Meteo per le zanzare. Basta inserire la provincia per visualizzare le previsioni dell’entità potenziale d’infestazione in siti già colonizzati dalla Zanzara Tigre.

RIMEDI NATURALI CONTRO LE ZANZARE

Per proteggere i bambini esistono molti rimedi naturali ma l’Istituto superiore di Sanità (Iss) consiglia di non usare alcun repellente sui bambini sotto ai due anni. La raccomandazione vale anche per quelli a base di estratti naturali. Dai 2 ai 12 anni, invece, non superare mai le due applicazioni al giorno.

I principali rimedi naturali che vi consigliamo di usare al posto dei repellenti chimici sono gli oli essenziali, perché sono davvero molto efficaci contro le zanzare. Ecco i nostri oli preferiti da usare anche sui vostri bambini:

  1. Lavanda
  2. Citronella
  3. Tea Tree Oil
  4. Menta Piperita
  5. Basilico

Esistono poi cerotti anti zanzare a base di sostanze naturali come il geranio e la citronella, eventualmente da attaccare ai lati della culla o del passeggino.

zanzare

I CLASSICI RIMEDI ANTI ZANZARE PER PROTEGGERE LA CASA

L’Istituto superiore di Sanità promuove le piastrine che si bruciano negli appositi fornelletti e gli elettroemanatori a ricarica liquida. Sono a basso grado di tossicità e a breve persistenza nell’ambiente. Ricordate però di tenere sempre aperta la finestra quando li usate!

Per evitare che le zanzare entrino in casa, potete installare le zanzariere su tutte le finestre. In commercio, vi sono modelli di tutti i tipi, anche molto economici. Un altro modo per stordire le zanzare è l’aria condizionata. A 22°C le zanzare sono meno attive.

In giardino o in terrazzo vestite i vostri bimbi con maniche e pantaloni lunghi. Si possono accendere gli zampironi e altri prodotti a combustione.

REPELLENTI: MEGLIO EVITARLI

Questi rimedi vanno usati solo quando necessario e scelti in base alla percentuale del principio attivo che contengono. La maggior parte di questi prodotti è a base di icaridina (kbr), dietiltoluamide (deet) e di altre molecole che possono avere effetti tossici.

I repellenti con concentrazione inferiore al 20% sono sufficienti per le nostre latitudini. Quelli con il 30% (o più) vanno applicati solo quando si viaggia in Paesi in cui c’è il rischio di contrarre malattie trasmesse da zanzare infette.

NO A CREMA SOLARE E REPELLENTI

Sconsigliato mettere repellenti insieme alle creme solari perché possono aumentarne l’assorbimento, così come su tagli, pelle irritata o su un’altra puntura di zanzara.

Non perderti gli altri post di Mamma Oggi:

Leggi: PIGRIZIA: 5 consigli per i figli svogliati

Leggi: Insegnanti sempre più digitali: 6 risorse utili

Leggi: Maestra, che ne sarà di me? La parola ai bambini

Leggi: Tutelare i minori in rete è responsabilità dei genitori

Manuela Raganati Consigli per mamme su cura del bambino e famiglia selezionati per te dal team di Mamma Oggi.

Potrebbe interessarti anche: