Felicità, adesso. A Il Tempo delle Donne

Felicità al centro dell’evento Il Tempo delle Donne. Organizzato da Corriere della Sera in collaborazione con il blog La27esimaora si terrà dal 07 al 09 Settembre alla Triennale di Milano. Dalle 10 alle 24. No stop! Noi ci saremo! E voi?

Il tema di quest’anno è molto lapidario: La Felicità. Adesso. Non ieri, non domani. Bensì, qui ed ora! Perché la felicità è un diritto: mio, tuo e di tutti. E, come sosteneva Aristotele, vale la pena di lottare per la libertà. Sempre, e sempre uniti!

LA FELICITA’ E’ RES PUBLICA

Nell’ultimo libro di Marc Augè intitolato Momenti di felicità emerge chiaramente che la felicità si può provare in modi molto diversi, e sono modi concessi a tutti. Indipendentemente da origini, cultura e sesso. “Una felicità di resistenza, la cui idea rimarrà sempre nuova, a dispetto dell’odierna mediocrità. Momenti di felicità, nonostante tutto”.

E’ così che il grande antropologo francese pone il sigillo su un tema che da secoli è al centro delle riflessioni di filosofi, scrittori, poeti, artisti, psicologi. Persino l’Onu ha istituito la Giornata mondiale della felicità (20 marzo) chiedendo ai governi «un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l’eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone».

Felicità, adesso. A Il Tempo delle Donne

CHIEDIMI SE SONO FELICE

Ma che cos’è la felicità oggi? E’ un diritto civile oltre che un desiderio personale.

  • E’ il diritto di essere giovani e andare a scuola senza avere paura degli altri, senza sentirsi mai soli di fronte a casi di bullismo.
  • E’ il diritto di essere donna e diventare madre senza perdere il posto di lavoro.
  • E’ il diritto di essere moglie e non per questo schiava.
  • E’ il diritto di avere un posto di lavoro per vedere crescere la tua famiglia.
  • E’ il diritto di avere un lavoro che non ti sfrutti, come un oggetto usa e getta ma ti aiuti a tirare fuori il meglio di te.
  • E’ il diritto di appartenere ad una comunità che cresce insieme e non lascia indietro nessuno.

E tu sei felice?

E’ IL TEMPO DELLE DONNE!

La felicità dunque si potrebbe immaginarla come un crocevia dove si incontrano l’io e il noi. Ed è proprio questo il tema al centro dell’inchiesta svolta in questi mesi dal blog La27esimaora e di Il Tempo delle Donne, l’evento organizzato per discutere in modo approfondito di questi temi con molti ospiti e professionisti di vari settori. Felicità della persona e felicità collettiva sono due facce della stessa medaglia. I paesi più emancipati, quelli del Nord, se ne sono già accorti da tempo e, non a caso, oggi risultano in cima alla classifica dei paesi più felici al mondo.

Felicità, adesso. A Il Tempo delle Donne

WORLD HAPPINESS REPORT 2018

«Sempre più governi utilizzano indicatori di felicità per dare corpo alle decisioni politiche», ha affermato Jeffrey D. Sachs, consulente di papa Bergoglio e coautore del World Happiness Report 2018 il rapporto che ha preso in analisi 156 paesi, stillandone una vera e propria graduatoria. Al primo posto si trova la piccola Finlandia. Salvaguardia ambientale e tecnologia all’avanguardia assicurano qualità della vita, welfare, equità sociale e di genere e un mese di congedo parentale. Seguono in ordine Norvegia, Danimarca, Islanda, seguite da Svizzera, Paesi Bassi, Canada, Nuova Zelanda, Svezia e Australia.

FELICITA’ NON E’ VIOLENZA

Uno degli indicatori della Felicità è la libertà. Ancora oggi quando si parla di donne, spesso si mette ancora in dubbio la loro effettiva libertà, nonostante i lunghi anni di lotte per l’emancipazione. Soprattutto quando ogni giorno i fatti di cronaca nera le vedono vittime di una insensata violenza di genere, che nella maggior parte dei casi avviene proprio nelle quattro mura domestiche.

SE L’E’ CERCATA

Quante volte sentiamo ancora dire “Se l’è cercata?” Se ne parlerà a Il Tempo delle Donne con Louise O’Neill, ospite tra le più importanti rappresentanti del pensiero di genere e tra le più significative voci della letteratura internazionale di oggi. Luisa Pronzato e Roberta Scorranese discuteranno insieme all’autrice della violenza contro le donne non solo come tema politico-culturale ma anche di linguaggio.
Louise O’ Neill (classe 1985) è autrice della distopia femminista Solo per sempre tua e di Te la sei cercata, libri importanti in cui si affronta il tema della violenza contro le donne e la loro colpevolizzazione. L’autrice mette a fuoco lo sguardo della società, quel perbenismo che spesso scoraggia le denunce e continua ad alimentare i pregiudizi.
“Se l’è cercata” – La solita menzogna. Le donne, la violenza e quelle frasi da cancellare. Domenica 9 settembre alle 16.30 presso Giardini della Triennale di Milano con Luisa Pronzato e Roberta Scorranese. Ingresso libero.
Felicità, adesso. A Il Tempo delle Donne

IN FAMIGLIA COME ESSERE FELICI?

Il tempo delle Donne quest’anno sarà un vero e proprio coro di voci che darà spazio a molti focus anche sulla famiglia. Vi segnaliamo un altro incontro interessante intitolato “Co-genitori e contenti”. Si parlerà di genitori e felicità familiare. E di quanto quella felicità sia figlia di una vera condivisione di responsabilità e impegni. La mamma è certo importante, ma non sempre indispensabile. Il papà pesa, non solo per fare giocare i figli, e potrebbe contare di più. Purché la mamma voglia delegare e lui fare la sua parte. Interverrà un’imprenditrice, una formatrice, una psicologa e un super papà, giustamente orgoglioso del suo ruolo a tutto tondo. (Sabato 8 settembre alle 14.30 in Triennale Lab).

Leggi il programma 

E voi Mamme di oggi siete felici? Per voi cosa significa essere felici? Raccontateci le vostre esperienze, le piccole grandi sfide quotidiane che affrontate per raggiungere il vostro ideale di felicità. Seppure breve, momentaneo, la felicità è un attimo e un diritto per cui vale sempre la pena di lottare. Ricordatevelo sempre e se siete in difficoltà, chiedete sempre una mano! Vi sarà data.

(Manuela Raganati)

Potrebbe interessarti anche: